Intervista di Caroline Couret, fondatrice del Creative Tourism Network®

Avete sentito parlare di “turismo creativo”? Si tratta di una tendenza in crescita, in cui i turisti viaggiano in tutto il mondo per scoprire aspetti poco conosciuti di una destinazione o di una cultura, partecipando a attività creative con i locali. Al di là dell’immagine del viaggiatore “romantico”, questo è un segmento turistico in piena espansione, alimentato dalla crescente domanda e accompagnato da una professionalizzazione del settore. Questo concetto è emerso nei primi anni del 2000, dal lavoro di ricerca dei professori Greg Richards e Crispin Raymond ed è ora adattato in una vasta gamma di contesti raccolti in una rete internazionale. Per conoscere ulteriormente questa nuova generazione di turismo, abbiamo incontrato Caroline Couret, fondatore del Network Creative Tourism®.

” Il turista creativo è un viaggiatore eco-amichevole e un umanista i cui in interessi si affidano a rapporti punto per punto.” 

 

Come si è verificato il Creative Tourism Network® ?

Potrei dire che il progetto era parte del DNA della nostra azienda – così come il mio! – ed è stato sviluppato naturalmente, alimentato dal desiderio di tornare agli scopi iniziali del turismo, vale a dire incontrare persone di culture diverse e condividere con loro momenti semplici della loro vita quotidiana, conoscenze, passioni … un’esperienza punto per punto e autentica!

L’incontro con il professor Greg Richards, co-inventore del concetto di turismo creativo è stato decisivo e ha confermato la necessità di adattarsi adeguatamente a questa nuova domanda. Così abbiamo creato la piattaforma del turismo creativo di Barcellona nel 2005, il primo del suo genere in tutto il mondo, per invitare i turisti a “vivere la città”.

Di fronte al crescente entusiasmo di questo nuovo modo di viaggiare, abbiamo sentito la necessità di collegarci ad altre destinazioni che condividevano la stessa filosofia. Così il Network Tourism Network® è nato a Barcellona nel dicembre del 2010.

Quali sono le missioni del Creative Tourism Network® ?

Vogliamo soprattutto offrire un organismo di riferimento che da un lato dia soddisfi per le più svariate richieste di questo settore in forte espansione e, in secondo luogo, promuove sinergie, attraverso collaborazioni tra membri della rete e partner esterni.
Quando abbiamo organizzato la Prima Conferenza Internazionale sul Turismo Creativo nel 2010 a Barcellona, ci è sembrato come una prova o addirittura un’emergenza!

Infatti, mentre esisteva in tutto il mondo, una serie di iniziative concettualmente molto vicine al turismo creativo, era difficile identificarle perché erano sparse geograficamente e “terminologicamente”!

Ma la richiesta di questo tipo di esperienza era già molto reale e da allora è stata rapidamente ampliata e consolidata. La rete fornisce un punto di incontro tra offerta e domanda per questo segmento emergente e uno strumento di governo.

Come identificate un’offerta turistica creativa?

Potrei offrirti innumerevoli esempi, ma al di là del contenuto, sono criteri soggettivi essenziali per progettare un’offerta turistica creativa. Tra loro, non copiare un’offerta già esistente. Il turismo creativo si appella principalmente all’autenticità e alla creatività delle persone che progettano l’offerta. E sottolineo la parola “persone”, anche se il marketing richiede competenze professionali e rigorose, non deve soppiantare l’emozione generata dalla trasmissione della conoscenza o dalla co-creazione tra locali e viaggiatori. Questo è naturalmente un criterio soggettivo, ma è essenziale per garantire l’autenticità, l’originalità e l’empatia con questi turisti-alter ego! L’approccio top-down che ha forgiato il settore del turismo negli ultimi decenni, racchiudendo fornitori e turisti in una relazione rigorosamente commerciale, ha lasciato il posto ad un livello inferiore, orientato dalla domanda specifica di questi nuovi viaggiatori.

Potresti darci alcuni esempi di esperienze di turismo creativo che ti piacciono personalmente?

Tutti e i più diversi! Sai, la prima volta che partecipi a queste attività, lo feci per interesse o passione per una disciplina in particolare attraverso una classe di cucina, un laboratorio di ceramica, un acquerello, un corso di musica, ecc… Ma molto rapidamente il turismo creativo si trasforma in un modo di viaggiare, che fa apparire una nuova mappa del mondo! Quindi la rilevanza di creare una rete per scoprire o riscoprire le destinazioni attraverso queste esperienze.

Al momento di fare scelte, cerco personalmente di avvicinarmi a quello che possiamo chiamare “km 0″, cioè partecipando a attività basate sulla comunità. Infatti, la partecipazione a un sushi-class in Francia potrebbe essere parte della vita quotidiana, ma naturalmente non consentirebbe di scoprire la cultura locale! Invece, su un rifugio in Provenza, in Toscana o in Portogallo, in cui ti puoi abbandonare in ceramica, scultura, artigianato o panetteria? Oppure per scoprire la cultura “Gaucha” partecipando a laboratori tradizionali di danza e musica, abbigliamento o cucina a Porto Alegre, in Brasile? Oppure diventando un DJ ad Ibiza?

L’elenco è lungo e nutre l’interesse dei turisti per queste esperienze semplici ma autentiche.

Dovremmo considerare la semplicità e l’autenticità come denominatori comuni del turismo creativo?

Sì, sicuramente! E aggiungerei, naturalmente, la creatività. Questi sono in realtà i comuni denominatori delle nostre destinazioni e dei membri dei programmi nonostante i loro profili così diversi. A proposito, i turisti creativi godono di questa diversità non appena possono sperimentare attivamente. Essi sono esclusivi per quanto riguarda il modo in cui viaggiano, ma sono veramente aperti a tutti i suggerimenti che li fanno scoprire i nuovi territori di cui non avevano mai sentito parlare. Per quanto riguarda le destinazioni, è affascinante osservare come, invece di competere, ottengono vantaggi di networking e scambi di consigli e buone pratiche!

Il turismo creativo è un esempio di turismo sostenibile?

Decisamente sì! La definizione di UNWTO è attribuita al turismo sostenibile, cioè “la gestione di tutte le risorse in modo tale che le esigenze economiche, sociali ed estetiche possano essere soddisfatte pur mantenendo l’integrità dei processi ecologici essenziali, della diversità biologica e dei sistemi di sostegno alla vita” potrebbe riferirsi perfettamente al turismo creativo.

Il turista creativo è un viaggiatore eco-amichevole e un umanista i cui in interessi si affidano a rapporti punto per punto.

La sua gratitudine verso i locali è aumentata dieci volte, portando a un cerchio virtuoso che nutre la trasmissione dei valori umani, delle competenze, del talento… In questo virtuoso circolo, i locali non sono più l’intermediario tra i turisti e il patrimonio, sono il patrimonio. Ad esempio, una casalinga giapponese che organizza lezioni di cucina per i turisti non sarà solo potenziata economicamente ma agirà anche positivamente sulla sua autostima.

Quali sono i progetti e il futuro di Creative Tourism Network®?

Sarebbe troppo lungo citarli tutti. Realizziamo numerose collaborazioni con settori strategici che possono trarre beneficio dai nostri membri (media, trasporti, operatori turistici, ecc…).  Inoltre, abbiamo creato un centro di formazione per soddisfare le esigenze di enti pubblici, aziende, università, ecc, in termini di gestione del turismo creativo. Questi seminari aiutano gli stakeholders a sviluppare il proprio progetto entro due o tre giorni. Sempre più DMO sono interessati.

Cosa pensi delle piattaforme digitali che vendono workshop creativi?

Sono sempre più numerose e diventano un problema, nel senso che rappresentano una porta aperta a “tutto creativo”, vale a dire che stiamo assistendo ad una intrusione di aziende, desiderosi di rimbalzare la mania per questa nuova forma di viaggio , vendendola come “esperienza”, qualsiasi sostituto la cui mancanza di credibilità interessa l’intero settore.

Inoltre, se questo tipo di piattaforma trova il suo pubblico tra i viaggiatori che cercano offerte punto per punto – non dire anche massiccio turismo – può difficilmente svilupparsi in un contesto commerciale, in quanto gli operatori turistici hanno bisogno di garanzie professionali per i loro clienti per limitare i rischi del dilettantismo.

Infine, queste piattaforme non aiutano a creare valore in un territorio. Il turismo creativo dovrebbe essere visto come uno strumento di governo per uno sviluppo territoriale e per questo è importante che tali programmi siano stati guidati da enti pubblici in collaborazione con esperti in settori diversi. Tuttavia, queste piattaforme sono più focalizzate su profitti a breve termine.

 

https://es.linkedin.com/in/carolinecouret

http://expertes.eu/expertes/caroline-couret/

Share