Intervista a Caroline Couret, Direttrice del Creative Tourism Network® sulla collaborazione tra la Rotta dei Fenici

 

Caroline-Couret-alt - red

 

 

  • Come è nata la collaborazione tra la Rotta dei Fenici e Creative Tourism Network®

Potrei dire che era una prova. L’iper-segmentazione del settore turistico pone nuove sfide, ma ci offre anche grandi opportunità, se sappiamo come percepirle. E questa collaborazione apre un universo di possibilità per soddisfare i viaggiatori più creativi! Quando parliamo di turismo culturale oggi non possiamo limitarci a visitare monumenti e musei. Il viaggiatore attuale vuole esperienze che lo portino ad un livello superiore di conoscenza, riflessione e persino di trasformazione per la sua vita personale. Ed è proprio questo l’obiettivo comune della Rotta dei Fenici e della Rete del Turismo Creativo – Creative Tourism Network®, creare significato, associare il patrimonio culturale a una nuova comprensione della società contemporanea.

Inoltre, se da un lato le nostre organizzazioni hanno molte somiglianze in termini di come lavorare in una rete transfrontaliera, con entità pubbliche e private e agenti di diversi settori, d’altra parte, entrambi sono complementari, per quanto riguarda le aree geografiche in cui operano e le metodologie e le buone pratiche che ora possiamo scambiare.

  •  La celebrazione dell’ Anno Europeo del Patrimonio Culturale è stato un incentivo?

Diciamo che, sebbene è vero che questo progetto va oltre il 2018, risponde perfettamente ai valori e agli obiettivi dell’Anno europeo del Patrimonio Culturale in termini di “incoraggiare più persone a scoprire e impegnarsi nel patrimonio culturale europeo”, “coinvolgendo comunità locali “e” rafforzando il sentimento di appartenenza a uno spazio europeo comune “, tra gli altri. Naturalmente, questa celebrazione favorirà l’estensione di questa collaborazione ad altri partner e, alla fine, ad altri itinerari culturali.

  • Quali sono concretamente le azioni previste nel quadro di questa collaborazione?

Prima di tutto vorrei sottolineare che si tratta di un quadro di collaborazione aperto che favorisce le sinergie e la stimolazione permanente di idee e progetti, sia tra le nostre due entità che tra i nostri rispettivi membri. Da lì, abbiamo già pianificato l’organizzazione di seminari che consentono la co-creazione di esperienze di turismo creativo nelle destinazioni associate, sempre basate sul reciproco scambio di esperienze e con una garanzia di qualità, la creazione di una categoria di Creative Tourism Awards (il Premio assegnato ogni anno alle destinazioni turistiche Creative nel mondo), dedicati esclusivamente alla Rotta dei Fenici e, naturalmente, una promozione congiunta delle destinazioni condivise verso il pubblico finale, ma soprattutto attraverso azioni con tour operator specializzati.

  • Intervista completa sul turismo creativo nel seguente  link.

 

 

 

Share