Intervista con la Sig.ra Carla Cárdenas, Direttrice Generale di Quito Turismo

  • Quito è già un riferimento mondiale per il turismo culturale, perché scommettere sul turismo creativo?

Esatto, Quito è da oltre 40 anni un riferimento mondiale per il turismo culturale come Patrimonio dell’Umanità, dichiarato dall’Unesco. È una città ricca di tesori architettonici e artistici che sono custoditi nel nostro Centro Storico: uno dei meglio conservati e più vivi del continente.

La destinazione è impegnata nel turismo creativo, poiché completa in modo significativo l’offerta culturale, attraverso l’interazione tra visitatori e patrimonio immateriale.

L’unicità e la vicinanza della cultura di Quito consente lo sviluppo di molteplici attività che incoraggiano i visitatori a vivere un’immersione totale nella destinazione. In questo modo, Quito apre le sue porte al turismo orientato in modo che tutto il pubblico, in qualsiasi periodo dell’anno, dia libero sfogo alla propria creatività.

  • Qual è il potenziale di Quito per sviluppare il turismo creativo?

Vogliamo che i nostri viaggiatori escano dal convenzionale e conoscano la nostra cultura da una prospettiva completamente diversa, attraverso attività esperienziali che possono essere vissute solo a Quito, poiché, senza dubbio, la sua posizione privilegiata nel Centro del mondo influenza la nostra città è uno spazio di incontri affascinanti.

La destinazione offre esperienze autentiche, creative e sostenibili. Continuiamo a fare tesoro, in ciascuno dei nostri angoli, del diverso ed esotico che la nostra cultura offre. Questo è ciò che Quito offre, attraverso il Turismo Creativo, a quei visitatori che cercano l’autenticità e si immergono completamente nella destinazione, dando al consumatore un ruolo attivo e rendendolo co-creatore di esperienze.

La destinazione offre esperienze autentiche, creative e sostenibili. Continuiamo a fare tesoro, in ciascuno dei nostri angoli, del diverso ed esotico che la nostra cultura offre

  • Puoi presentarci alcune delle tante esperienze progettate nell’ambito di questo programma?

Quito ha un potenziale e spazi piuttosto ampi per sviluppare questo tipo di turismo; dai corsi di cucina che ti immergeranno negli aromi dei nostri sapori tradizionali, o imparando a fare il miglior cioccolato del mondo, ai tradizionali laboratori di gioielleria e pittura; visitare aziende agricole agroecologiche e sperimentare i vari sapori della nostra birra artigianale e del caffè d’alta quota. Potrai imparare di più sull’affascinante mondo della famosa rosa ecuadoriana e goderti l’arte e la cultura che questa città ha da offrire.

  • Quali sono i profili dei viaggiatori che vuoi raggiungere?

Vogliamo raggiungere tutti quei viaggiatori, amanti della cultura, dell’arte, del patrimonio, che cercano una destinazione totalmente nuova, con attività e attrazioni turistiche diverse e autentiche.

  • Li vedi come complementari ai segmenti esistenti come MICE?

Turismo Creativo, permette di essere una componente differenziante nello svolgimento di eventi. Attualmente la nuova tendenza nel segmento MICE è quella di sviluppare incontri di lavoro sfruttando spazi che permettano loro di interagire con la destinazione e le persone che ne fanno parte.

  • Il turismo creativo sembra una buona opzione in tempi di pandemia?

Naturalmente, l’essenza del Turismo Creativo è l’innovazione attraverso le esperienze. È l’occasione ideale per promuovere questo tipo di turismo in quanto permette alla destinazione di reinventarsi e proporre cose diverse, allineate ai protocolli di biosicurezza, affinché l’esperienza del visitatore sia unica e indimenticabile.
Inoltre, questi tipi di attività esperienziali non sono massicce, ma piuttosto vengono sviluppate principalmente in piccoli gruppi o in modo personalizzato.

E in generale, le virtù del turismo creativo possono essere apprezzate come strumento di sviluppo sostenibile?

Il Turismo Creativo è uno strumento di sviluppo sostenibile perché salva e valorizza la cultura locale, generando benefici diretti per la comunità. Inoltre, offre l’opportunità di formarsi per generare diverse proposte in cui sono coinvolti i turisti.
Questo tipo di turismo comprende anche l’intera catena del valore che la destinazione ha per l’attività esperienziale, i proprietari di eredità storiche, che vengono di generazione in generazione, trascendendo la conoscenza nel tempo.

Quito fa parte del Creative Tourism Network®. In che aspetto è importante lavorare in questa rete?

Nel 2018, Quito ha ricevuto il sigillo Creative Friendly Destination, nell’ambito della Conferenza internazionale sulla comunicazione e il marketing del turismo e per essere parte dell’affiliazione di Quito al Creative Tourism Network®, un’opportunità che ha permesso alla destinazione di essere in un vetrina a livello internazionale, per mostrare il potenziale che la città ha, non solo nelle attrazioni turistiche ma anche nella conoscenza, nella cultura, nella tradizione, nella storia, ecc. Inoltre, il tuo supporto è essenziale per promuovere la destinazione, attraverso webinar, consulenze, tra gli altri.

Quito Creative Tourism

quitosafedestination

Share